mercoledì 15 febbraio 2012

La Basilicata a Sanremo 2012

Oggi voglio essere campanilista; voglio parlare della Basilicata a Sanremo. In particolare, vorrei commentare il monologo di Rocco Papaleo e la canzone di Arisa; sì: appunto, i due lucani presenti sul palco dell’Ariston.
Io non so se uno che non è mai stato in Basilicata può capire a fondo l’ironia di Papaleo perché lui è la lucanità e la lucanità non è come la romanità, la napoletanità o la bolognesità, che sono sotto gli occhi di tutti.
Pochi conoscono la Basilicata e, di conseguenza, penso che pochi conoscano la lucanità. Rocco è lucano dentro, a partire dal nome, il più tipico dei nostri nomi maschili e, quando parla delle stazioni in cui non puoi perdere il treno perché i treni non passano mai, racconta un mondo. In Basilicata ci sono moltissime stazioni in cui i treni non passano mai. Sono luoghi strani, deserti e anche un po’ irreali. Sono luoghi che, proprio come ha detto Papaleo, ti spingono a sognare. Non puoi prendere un treno reale e allora sali sul treno della tua immaginazione. In Basilicata, se hai un sogno, lo devi sognare più forte. È una regione fatta di paesini con pochi abitanti e molte di quelle strutture che ti rendono più semplice raggiungere un obiettivo ambizioso non esistono. Spesso, per inseguire il tuo sogno, devi fare la valigia e partire. Per sempre. Possibilmente non in treno e nemmeno in aereo. I mezzi pubblici, in Basilicata, sono veramente pochi ed è su un’auto che sali quando prendi il tuo sogno per portartelo chissà dove.

E poi c’è Arisa. Una che ha preso il treno dei suoi desideri e non è scesa più. La sua canzone, secondo me, è tra la due più belle del festival (l’altra è quella di Pierdavide Carone). Il critico Mario Luzzatto Fegis, nelle sue pagelle sul Corriere della sera, l’ha bocciata con un 4 dicendo che non ha fatto la cantante. Mi è sembrato un commento quantomeno superficiale. La notte è dolcissima, emozionante e cantata molto bene. Ce l’ho in testa da quando l’ho sentita. È una di quelle che ti entra dentro, te la canti, te la ricanti e ci rimugini anche un po’. Cosa chiedere di più a una canzone?

E, infine, sempre a proposito di sogni e canzoni. Forse non tutti sanno che Rocco Papaleo è anche un cantante, anzi un cantautore. Spero che possa cantare anche lui sul palco dell’Ariston perché i suoi pezzi sono interessanti, sono diversi, sono un genere poco conosciuto, un genere, come dire, lucano.

Se ne hai voglia puoi leggere anche
Basilicata coast to coast, il mio commento al film di Rocco Papaleo

2 commenti:

  1. Che dolcezza il tuo post! Rocco mi piace tantissimo!la canzone di Arisa non l'ho ascoltata ma provvederò! non ho mai visitato la Basilicata ma capisco cosa intendi, i miei sono di origine Calabrese, altra regione secondo me molto poco conosciuta, a parte i lati negativi...
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Calabria rispetto alla Basilicata è famosissima!

      Elimina