giovedì 4 dicembre 2014

Come cucinare barbabietola rossa e foglie di barbabietola

Immagine di Petras Gagilas
La stagione della barbabietola rossa è piuttosto lunga e, in teoria, questo vegetale dovrebbe essere reperibile in diversi mesi dell’anno; purtroppo, però, qui da noi non riscuote molto successo e spesso, soprattutto nella grande distribuzione, si trova già cotta, pronta per essere condita e mangiata. Okay, così è più comoda, ma ti perdi la parte migliore, perché della barbabietola sono ottime anche le foglie. Non le hai mai mangiate? Allora devi assolutamente provare queste ricette.

Come cucinare le foglie di barbabietola rossa

Per cucinare le foglie di barbabietola rossa seguo due ricette, entrambe semplicissime e rapide.

Foglie di barbabietola lesse. Dopo averle lavate accuratamente sotto l’acqua corrente, cuocere le foglie di barbabietola in poca acqua salata per circa quindici minuti. Scolare e condire con olio extravergine d’oliva e, se vi piace, uno spicchio d’aglio, o un goccio di aceto balsamico. Volendo, le foglie di barbabietole lesse possono essere l’ingrediente di un’insalata mista a cui aggiungere anche patate e barbabietola rossa, entrambe lesse.

Foglie di barbabietola saltate in padella. Far soffriggere uno spicchio d’aglio in qualche cucchiaio di olio extravergine d’oliva. Ovviamente, la quantità d’olio dipende da quante foglie volete mettervi a cuocere. Togliere l’aglio e mettere le foglie di barbabietola che avrete precedentemente lavato e asciugato. Coprire e far cuocere per circa 15 minuti; se necessario aggiungere un paio di cucchiai d’acqua. A fine cottura, aggiustare di sale.
Per farne una versione piccante, aggiungere una spolverata di peperoncino.
Per farne una versione dolce, aggiungere una manciata di uvetta precedentemente ammollata in acqua e qualche pinolo.

Come cucinare la barbabietola rossa

A me la barbabietola rossa piace lessa, in insalata con la patata ed, eventualmente, anche con le foglie. La barbabietola può essere bollita con o senza la buccia. Io preferisco sbucciarla prima, ma la scelta è assolutamente soggettiva. Dopo aver bollito barbabietole e patate, condire con olio extravergine d’oliva, uno spicchio d’aglio e prezzemolo. Volendo, aggiungere le foglie di barbabietola; in quel caso, però, potete evitare il prezzemolo.


La barbabietola rossa può essere consumata anche cruda, magari sotto forma di centrifugato. In questo modo vengono salvaguardate tutte le proprietà nutrizionali. Questo vegetale è, infatti, un concentrato di salute soprattutto per la ricchezza di minerali e per la capacità di favorire la formazione dei globuli rossi. La barbabietola rossa è, inoltre, rinfrescante, ipocalorica e ricca di antiossidanti. 

Vi piace la barbabietola rossa? Come la cucinate?


Altri articoli che potrebbero interessarti:




2 commenti:

  1. SCUSATE LE FOGLIE SI MANGIANO E SI TROVANO MOLTI MODI PER CUCINARLE, MA LE COSTE VANNO BUTTATE?

    RispondiElimina
  2. Io le scarto e non ho mai provato a cucinarle, ma non credo ci siano controindicazioni a mangiarle. Penso che dipenda dai gusti, puoi provare a cucinarle insieme alle foglie, seguendo una delle tante possibile ricette, e valuterai poi se ti piacciono o meno... A me danno la sensazione che potrebbero essere un po' dure, ecco perché le scarto, ma è solo una mia impressione, non è detto che sia così...

    RispondiElimina